Canti Sconfinati

Laboratorio di canto- 4 lunedì dedicati ai canti della tradizione orale nel mondo
25 marzo, 8 aprile, 22 aprile e 13 maggio
9:00 pm
tipologia evento:
ingresso:
20€ a incontro, Abbonamento 4 incontri a 65€

Il progetto CANTI SCONFINATI nasce dalla collaborazione tra Canto Rovesciato di San Miniato (Pi) e Instabile- culture in movimento e  prevede un ciclo di 4 lunedì tra marzo e aprile con altrettanti conduttori dedicati ai canti di tradizione orale oltre confine.

Prenotazione obbligatoria a info@cantorovesciato.it
Partenza dei laboratori con un minimo di 10 iscritti
Per info e programma: +39 3498163917

 

25 marzo- REVOLTONS, NOUS LES FEMMES a cura di Ilaria Savini

Il laboratorio ha l’obiettivo di trasmettere alcuni (probabilmente due) canti di tradizione orale polifonici che testimoniano come le donne, in particolare nel novecento, siano diventate consapevoli della loro forza e protagoniste nelle lotte per i diritti di tutte. Il lavoro cercherà di essere non pressorio e rispettoso delle caratteristiche di ogni voce. Sarà dato ampio spazio ad esercizi che proveranno a risvegliare modalità di ascolto e propriocezione profondi, capaci di condurci verso destinazioni imprevedibili dove far risuonare le nostre voci. Imparare i canti forse ci darà l’occasione di scoprire qualcosa di nuovo sulla nostra voce, mentre in questo contesto il lavoro sulla voce potrebbe regalare l’opportunità di vedere il canto di tradizione orale da un’altra prospettiva.

 

8 aprile- Balcanica con Simone Faraoni

Un laboratorio pratico incentrato sulla voce e sul ritmo, alla scoperta di alcuni canti dei vicini Balcani, dall’Albania alla Macedonia, alla Bulgaria, terre ricche di tradizioni e culture musicali.
A partire dalle voci dei partecipanti, attraverso un riscaldamento iniziale incentrato su vocalità e movimento, ci focalizzeremo sulla dimensione sociale del cantare insieme, fra ascolto reciproco e “fare coro”, adattando i canti proposti sulla base delle caratteristiche del gruppo che parteciperà al seminario.

Attraverso la body percussion e l’utilizzo dinamico del nostro corpo, faremo esperienza di alcuni ritmi caratteristici della regione, mentre i testi e le lingue, le melodie e le armonie, ci racconteranno qualcosa della sua storia, fra motivi d’amore, brani narrativi e canti a ballo.

 

22 aprile- Sea shanties, canti di mare con Francesca Breschi

Il mare temuto dall’emigrante, il mare sfidato dal baleniere, il mare sognato dall’innamorato…. …in quanti modi si può cantare, il mare?

Un breve ma intenso viaggio nei repertori del passato, di chi ha cantato con dolore la struggente partenza del migrante o con la sfrontatezza di chi, sfidando le altissime onde dell’oceano, andava alla ricerca della balena bianca. Ma anche dolci melodie che ci portano in riva al mare per assistere al primo atto d’amore…

 

13 maggio- Occitania con Camilla Caparrini

L’Occitania è una nazione senza stato, senza confini politici, ma con identità culturale forte e consapevole. È facilmente intuibile anche attraverso la polifonia dei suoi canti tradizionali intrisi di armonizzazioni, che ai nostri orecchi risultano affascinanti e ‘ataviche’. Durante il laboratorio ci immergiamo in punta di piedi nella dimensione occitana, al contempo lontana e vicina a noi, lasciandoci trasportare dalle sue avvolgenti sonorità, capaci di far viaggiare lontano, oltre le Alpi, solo con la nostra voce.

 

location
Chapiteau
Specifiche
ORE dalle 21.00 alle 23.00
potrebbe interessarti anche